Sui mitra dei killer la dedica a Venier, il doge che fermò l’impero Ottomano



Sui mitra usati a Christchurch dal commando “suprematista bianco” guidato da Brenton Terrant, anche lui 28 anni, c’è una lunga dedica in cui compare anche il nome di Luca Traini. Ma quello di Trani non è l’unico nome impresso sui mitra, compare anche quello di un doge veneziano, colui che sconfisse i turchi nella battaglia di Lepanto, fermando l’invasione dell’impero Ottomano: Sebastiano Venier.

 

Non è l’unico. Il killer sembra voler rendere omaggio a chi in qualche modo, nel corso dei secoli, ha combattutto contro l’Islam. Ecco le citazioni:

Sebastiano Venierdoge della Repubblica di Venezia, generale della battaglia di Lepanto che nel XVI secolo vide le forze della Lega Santa infliggere un’importante sconfitta ai Turchi, fermando l’avanzata dell’impero ottomano in Europa.

​Luca Trani. C’è un filo rosso che lega la strage nelle moschee in Nuova Zelanda a Luca Traini, il 28enne di Tolentino autore della sparatoria contro gli immigrati avvenuta a Macerata il 3 febbraio del 2018 e per cui è stato condannato a 12 anni di carcere.  

Alexandre Bissonnette

L’attentatore dell’attacco a una moschea a Quebec City, in Canada, il 30 gennaio 2017 che causò la morte di sei persone. Bissonnette, studente franco-canadese, è stato condannato a 40 anni di carcere.

Novak Vujosevic

E’ il protagonista della battaglia di Fundina che avvenne nel 1876 a Kuci, in Montenegro, combattuta tra l’esercito cristiano montenegrino e quello ottomano.

Vienna 1683

La battaglia di Vienna avvenuta l’11 e il 12 settembre del 1683 concluse l’assedio dell’esercito turco alla capitale austriaca durato due mesi. Nello scontro la coalizione delle forze cristiane (polacchi, austriaci, bavaresi e sassoni) sconfisse l’impero ottomano.

Shipka Pass

E’ uno scontro avvenuto in Bulgaria tra l’impero russo e quello ottomano nel 1877.

© RIPRODUZIONE RISERVATA