Firestarter torna in classifica nel Regno Unito


Dopo la morte di Keith Flint, è partita da Facebook un’iniziativa per riportare Firestarter dei Prodigy al numero 1 in classifica: ecco il motivo.

Firestarter dei Prodigy è tornata in classifica nel Regno Unito, e potrebbe piazzarsi al numero uno nelle prossime settimane. Il brano più famoso della band del compianto Keith Flint, impiccatosi nel weekend del 2 e 3 marzo 2019, è al centro di una campagna di sensibilizzazione promossa da alcuni fan su Facebook e subito accolta da molti altri utenti.

Ecco il contenuto e il movente di quest’iniziativa di solidarietà battezzata Get Firestarter to Number 1.

Prodigy: Firestarter torna in classifica

Il brano simbolo della carriera dei Prodigy, quello che per primo lanciò Keith Flint alla voce, tratto dall’album The Fat of the Land del 1997, è già tornato in classifica nel Regno Unito, arrivando fin qui alla 57esima posizione.

L’obiettivo di Get Firestarter to Number 1 è però proprio quel primo posto, già raggiunto in passato, che darebbe grandissimo risalto all’iniziativa, finalizzata alla sensibilizzazione su una tematica importante, tornata in auge dopo la morte di Keith Flint: quella della lotta al suicidio e ai problemi mentali.

The Prodigy
Fonte foto: https://www.facebook.com/theprodigyofficial/

Firestarter dei Prodigy al numero 1 per combattere il suicidio

Sulla pagina Facebook che ha lanciato questa interessante iniziativa, già accolta da numerosi internauti, si legge: “Dobbiamo aumentare la consapevolezza di problemi come la salute mentale e il suicidio. Quest’ultimo è il più grande assassino di persone sotto i 45 anni: urge un cambiamento“.

La pagina invita chi vuole aderire alla campagna ad acquistare il singolo in questione o, qualora non si volessero spendere soldi, a mettere il brano in ripetizione su piattaforme streaming come Spotify o Deezer, anche senza ascoltarlo sul serio: i passaggi saranno infatti conteggiati lo stesso per le classifiche.

Di seguito il video ufficiale di Firestarter dei Prodigy:

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/theprodigyofficial/