Don Cavazzana torna sull’altare per l’addio all’amico Babetto


di Eugenio Garzotto

MONTEGROTTO – Prima uscita pubblica, dopo il perdono del
vescovo di Padova Claudio Cipolla, per don Roberto
Cavazzana
, l’ex parroco della frazione di
Carbonara di Rovolon finito all’attenzione delle cronache per
la vicenda dei festini a luci rosse che aveva
travolto don
Andrea Contin
. L’occasione è stata
rappresentata dal funerale dell’imprenditore Luciano Babetto,
il “re delle celle frigorifere” e fondatore della
Criosbanc di Torreglia e della Criocabin di Teolo, spirato
lunedì al termine di una lunga malattia. Il rito funebre si
è svolto ieri mattina nel Duomo di Montegrotto, città
natìa di Babetto. Mancava poco più di una ventina di
minuti all’inizio della funzione religiosa, fissata per le
10,30, quando don Roberto ha fatto la sua comparsa sul sagrato
della chiesa.

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO