confiscati immobili per 600 mila euro a padre e figlia



di Vittorino Bernardi

La guardia di finanza bassanese di via Maello ha eseguito a Caerano di San Marco (Tv) la confisca per un valore di circa 600 mila euro di un appartamento e di una quota parte di una villa di pregio, immobili riconducibili rispettivamente alla 45enne L.V. e all’82enne padre A.V., già amministratori di una S.p.a. ad Altivole (Tv).

Il sequestro è scaturito da una complessa indagine delle fiamme gialle, coordinata dalle procure della Repubblica di Bassano del Grappa e Treviso e conclusa con una sentenza della Suprema Corte di Cassazione, che ha portato alla luce un articolato sistema fraudolento imperniato sull’emissione e l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti per un importo complessivo di circa 10 milioni di euro, con il coinvolgimento a vario titolo di 35 imprese operanti tra le province di Vicenza, Treviso e Padova.

Nelle prime fasi dell’indagine furono eseguite 5 ordinanze di arresti domiciliari con 28 persone denunciate e sottoposte a sequestro preventivo di somme di denaro e immobili, tra cui quelli sottoposti a confisca, per un valore pari a circa 4 milioni e mezzo di euro. Nella lunga indagine emerse un complesso meccanismo  d’evasione fiscale fondato sull’esistenza di diverse cartiere per generare in modo fraudolento e solo cartolarmente movimentazioni di beni e servizi con emissione di fatture per operazioni inesistenti.

Nei periodi d’imposta 2009 e 2010, la S.p.a. trevigiana ha annotato fatture fittizie, emesse da cartiere riconducibili al bassanese G.S., per un importo complessivo pari a circa 5 milioni, con indebita detrazione di Iva per 850 mila euro. Per tale ragione gli amministratori della società di Altivole furono denunciati e nel marzo 2016 condannati dal tribunale di Treviso alla pena di 1 anno e 8 mesi di reclusione, con confisca degli immobili di Caerano, sequestrati nel corso delle indagini preliminari. Nel maggio 2017 la Corte d’Appello di Venezia ridusse la pena a 1 anno e 6 mesi di reclusione, confermando la confisca dei beni. La Suprema Corte di Cassazione, da ultimo, dichiarando inammissibili i ricorsi presentati dai due imputati L.V. e A.V. ha confermato la sentenza d’appello, disponendo la confisca per un valore di circa 600 mila euro di un appartamento e di una quota parte di una villa di pregio a Caerano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA